Pubblicato il Lascia un commento

La meraviglia di un layout

Che roba strana! Anni passati a bazzicare nel mondo Scrap e mi ritrovo meravigliata solo ora davanti ad un Layout! Ci ho messo un po’, del resto che io abbia tempi biblici è risaputo:)

La mia resistenza era dovuta al fatto che non capivo da che parte iniziare. Parliamoci seriamente: se il ricordo è mio, in che senso una tecnica o uno schema predefiniti possono raccontarlo? E’ giusto raccontare un ricordo?

Poi mi sono resa conto che sbagliavo a porre la questione. Un ricordo non va raccontato, ma va conservato ed è in questo la grandezza dello Scrapbooking?

Mi sono confrontata con delle vere Scrapper su questo punto e sono giunta alla conclusione che lo Scrapbooking è davvero un hobby introspettivo.

Mi chiedo perché non mi ci sono soffermata in passato. Per te che mi stai leggendo sarà sicuramente una cosa scontata, ma a me mi si è spalancato un mondo… e mi sembra sconfinato, ricco di possibilità… insomma, mi sembra di avere scoperto un tesoro;)

Se prima partivo dallo schema del layout e mi domandavo : ma perché dovrei sceglierne uno e non un altro? Sulla base di cosa uno racconta meglio il mio ricordo? Ecco… adesso ho capito che non avevo capito nulla. Che le domande che mi ponevo e i presupposti da cui partivo erano sbagliati. Totalmente.

E così ho compreso che si parte da una foto. E a quella foto si deve tornare.

Non vi racconto cosa c’è dietro questo ricordo, perché è mio… ma vi posso dire che, nel tentativo di decorare questo moment, ho scoperto che il DISTRESS OXIDE  tono su tono è una cosa stupenderrima!!!

Ho ‘spatasciato’ il mio DISTRESS Oxide Antique Linen ossidandole con l’acqua e poi ho timbrato i miei fiori con lo stesso inchiostro. Ecco. Mi sono innamorata!

Ho usato poi del filo d’oro per riprendere il movimento  dell’intreccio dei fiori (pazzeschi!!! Come mi piace questo design… sa di aria fresca, ve l’ho mai detto?) ed ho usato dei piccoli dettagli della carta patterned per creare degli enamel dots.

Ho usato degli stickers per il journaling ed il titolo e ho scritto quello che mi mancava.

Come potete vedere… peletti in ogni dove;)

Io continuo a studiare … ci vediamo alla prossima;)

Mir

 

MATERIALI UTILIZZATI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *