Pubblicato il

Una card tono su tono

Amo le card, lo ho mai detto?
Beh, io amo le card… ed ho scoperto il tono su tono!
Da tempo me ne vado in giro blaterando nell’etere quanto sia importante fare una card per tutte le occasioni che meritano di essere celebrate e quindi… in breve… quanto sia importante fare una card ogni giorno, perché ogni giorno merita di essere celebrato.
Per le ragioni più svariate, sempre diverse, probabilmente mai uguali MA ogni giorno deve essere celebrato.
Ecco allora che sorge il dilemma del tempo, eh si perché non è proprio la cosa più immediata ‘costruire’ una card perché sia chiaro e che il mondo craft se ne faccia una ragione) anche una card ha una costruzione.
Io, che sono sempre in ritardo su tutto, ma che non intendo rinunciare alla mia soddisfazione quando pastrugno nella mia Cesta, ho scoperto il tono su tono: è una modalità che mi permette di fare un lavoretto con della tecnica ma che non mi porta via sere per la colorazione del timbro (cosa che comunque resta una grande passione!)
Certo, poi resta il problema di mettere a posto il tavolo, ma questa è un’altra storia e mi sa che ci si deve arrendere al fatto che sarà sempre un dilemma!
Ma in ogni caso… la smetto di farneticare ed arrivo alla mia card.
Con degli acquerelli ho fatto il mio sfondo con la tecnica del bagnato su bagnato.
Poi ho embossato in bianco i fiori disegnati da Antonella che mi piacciono un sacco!
Poi li ho colorato con il Wink of Stella white. In questo modo ho messo una sorta di pellicola sui miei fiorellini così da poterli colorare su una base chiara e non di ascqurello blu.
Ora facciamo finta di fare quelli che sanno e notiamo una cosa: se il Wink of stella lo lascio asciugare naturalmente la pellicola che si formerà sarà bianca quindi il contrasto con lo sfondo sarà decisamente evidente (come in questo caso).
Se al contrario ho la fregola di far asciugare tutto subito allora con l’embosser succede che ad un certo punto il mio bianco si asciuga e la pellicola diventa quasi trasparente.
‘Quasi’ nel senso che l’effetto opaco resta, così come resta la protezione, ma l’effetto visivo è decisamente più leggero.
In ogni caso, una volta asciutto crea in barriera sulla quale è possibile lavorare con altri medium.
Ad esempio io ho scelto di usare le matite prismacolor per dare risalto all’interno dei miei fiorellini…
Poi una cucitura… qualche goccia di Nuvo e via CHOOSE TO BE HAPPY!!!
    
Alla prossima Mir

3 pensieri su “Una card tono su tono

  1. stupenda

  2. Questi fiori sono una meraviglia, quindi un grazie ad Antonella che li ha disegnati e a te che gli hai reso merito con questa card, molto delicata.
    Un bacio!
    Mony

  3. Bellissima card e grazie per le spiegazioni!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *