Pubblicato il

Un nome in primo piano

Vi siete mai soffermati a pensare a che ruolo importante abbiano i genitori nella scelta dei nomi? …bhe credo sia una grande responsabilità. Gli antichi Romani, e questo lo so perchè mi sono informata giusto per questa occasione, dicevano “Nomen omen” che significa appunto che nel nome di una persona c’è il suo destino. Il nome sarà la prima parola che si pronuncia la mattina e l’ultima alla sera prima di addormentarsi, la si pronuncia (e la si urla) infinite volte nel corso della vita. Questa card nasce proprio per dare valore al nome scelto, il nome di un viaggiatore in arrivo…e il mio rispettivo augurio affinchè scopra quanto può essere meravigliosa questa vita.

Quella con il nome in verticale è la prima che ho realizzato fra le due. Il nome che ci dovevo mettere era “Tommaso” ma non avevo calcolato che questo nome era troppo lungo per la base che avevo già preparato in precedenza. Ho, quindi, optato per mettere il nome “Agata”, nome che avevo scelto, insieme al nome “Thomas”quando ero incinta e ancora non sapevo se avrei avuto un maschio o una femmina. Nome che tutt’ora mi piace un sacco.

In un secondo momento ho realizzato la card con il nome corretto, lavorandola questa volta in orizzontale per far si che il nome rientrasse in tutta la sua completezza, nello spazio. L’ho lavorata anche con colori diversi, sia per l’effetto muro realizzato con un embossing folder, sia per la mattatura.

Ora non ci resta che aspettarlo!…vi do appuntamento al mio prossimo post…perchè le sorprese per Tommaso non sono finite!!

Spero di avervi dato qualche spunto creativo

A presto

Francesca

PRODOTTI UTILIZZATI:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *