Pubblicato il Lascia un commento

ATC mon Amour

Inizio il mese con una novità. La novità è che il progetto che vi propongo è una cosa assolutamente nuova per me. Mi sono cimentata con dei nuovi colori in polvere e quindi adesso sono in fissa con i Color Burst. Li sto usando moltissimo e spero di contagiare anche le mie amiche/socie del DT.

Con questi colori si possono realizzare degli sfondi bellissimi che possono essere utilizzati in vari modi. A me hanno ispirato per creare delle ATC perchè era davvero tanto che le avevo nella mia “TO DO LIST”. Ora credo di essere entrata totalmente nel tunnel e ringrazio la mia sister Stefy; infatti è lei l’esperta!

L’acronimo ATC significa Artistic Trading Card. Sono delle carte collezionabili e scambiabili e si ritiene che la loro diffusione sia dovuta ad un’artista svizzero, il quale, ispirandosi alle figurine sportive (dalle quali deriva anche la dimensione delle ATC), creò delle piccole opere d’arte e fece una mostra dove propose ai visitatori di prenderne una, ma in cambio dovevano crearne un’altra. Esistono molti gruppi dove si realizzano le Atc con possibilità di scambio tra i partecipanti.

Possono essere realizzate con qualunque materiale ma devono avere dei vincoli; innanzitutto la dimensione che deve essere di 3,5 x 2,5 (pollici) o 64 x 89 mm., inoltre sul retro delle ATC vanno riportate alcune informazioni come: – il nome dell’autore, – un eventuale contatto, – il titolo dell’opera, – data della creazione, – nr dell’ATC ).

Possono essere tutte uguali oppure diverse tra loro con un filo conduttore in comune. Solitamente si parte da un minimo di 2 ad un massimo di 5 (per avere la possibilità di accontentare nello scambio le nostre amiche ATCine), ma nessuno vieta di crearne solo una oppure millemila. La numerazione segue un procedimento molto semplice: se ad esempio abbiamo deciso di creare 3 ATC scriveremo sul modulo retrostante 1/3; 2/3; 3/3. Inoltre se sarà la prima volta che abbiamo realizzato un gruppo di ATC scriveremo “serie 1” e così via in successione per le prossime. Nel caso le nostre Atc avessero molto sucesso e dovessimo replicarle scriveremo sul retro ad esempio il “titolo” – edizione 2.

Adesso vi lascio alle immagini e vi aspetto sul canale di Youtube di ceative Studio per il video tutorial.

Eleonora

 

PRODOTTI UTILIZZATI:

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *